La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Hotel su misura | Principale | Rwanda, la morte sconfitta dal preservativo »

07/06/12

Commenti

AndreasLou

Salve Dragor, magari t'interessa questo testo recente sul ruolo della Francia in Rwanda (niente che tu non sappia, immagino) http://www.e-ir.info/2012/06/04/france-proud-of-her-role-during-the-rwandan-genocide/
Poi, una domanda: ma il francese medio sa quello che é successo? Che tu sappia, cose ne pensa della politica della francafrique?

dragor

Ciao andreasi, grazie di questa interessante domanda e del link. Il francese medio sa benissimo che la Françafrique è una politica fatta sottobanco, che sfugge al controllo del Parlamento e si presta a intrallazzi di ogni genere. Se è di sinistra s’indigna, se è di destra pensa che sia una forma di realpolitik. Sugli eventi del Rwanda, l’implicazione della Francia nel genocidio non è un segreto. Anche qui gioca la collocazione politica. Per la destra tradizionalista e colonialista (vedi la rivista Marianne o il link che mi hai segnalato), l’ « onore » della Francia conta più di tutto, cosi’ si finge di credere che Turquoise sia stata un’operazione umanitaria e che il genocidio sia stato una faida tribale, prendendo per buone le frottole del governo, dei preti e dei militari. Quei militari che numerosi testimoni hanno visto violentare le donne tutsi e gettare dagli elicotteri gli uomini rinchiusi in sacchi. Ma la minoranza che ama l’informazione corretta e ha letto le decine di libri sul « genocidio francese » fra i quali La Nuit Rwandaise di Jean-Louis Gouteux (dovrebbe esserci anche nella traduzione italiana), è al corrente delle spaventose responsabilità che si cerca di occultare.
Buona serata, torna a farmi visita

dragor (journal intime)

AndreasLou

Ah beh, in quanto all'ultimo passaggio, il tuo blog è da tempo fra i miei RSS :D

marianna

Caro Dragor è incredibile che a tutt'oggi non si sia fatta ancora interamente luce sulle responsabilità francesi nel genocidio del Rwanda.
I soliti giochi sporchi della politica a tutte le latitudini, è evidente.
Auguriamoci che avvenga, sia pure gradualmente, ma che avvenga.
Attraverso, per esmpio, documenti, oggi insabbiati, comprovanti scomode verità come quello che tu riporti in questo chiaro ed esaustivo post.
Grazie.
Un abbraccio affettuoso e la mia buona notte.
Marianna

dragor

Cara Marianna, secondo me si è fatta luce. Anzi, non c'è mai stato il buio. Ma qualcuno ha interesse ad alzare cortine fumogene per nascondere una realtà che dà fastidio, leggi la missione Quilès o l'inchiesta Bruguière, vedi la deliberata ignoranza di documenti alla portata di tutti. Dopo 18 anni stiamo ancora a discutere su quello che sapevamo benissimo nel 1994!
Un abbraccio, buona notte, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Cara Marianna, secondo me si è fatta luce. Anzi, non c'è mai stato il buio. Ma qualcuno ha interesse ad alzare cortine fumogene per nascondere una realtà che dà fastidio, leggi la missione Quilès o l'inchiesta Bruguière, vedi la deliberata ignoranza di documenti alla portata di tutti. Dopo 18 anni stiamo ancora a discutere su quello che sapevamo benissimo nel 1994!
Un abbraccio, buona notte, a presto

dragor (journal intime)

apote

Come si fa a far diventare un resoconto interno di militari del Minuar (C’est une simple liste qui énumère des stocks d’armes, sans aucun commentaire)"l’atto di vendita da parte del governo francese di 15 missili terra-aria Mistral alle Forze Armate Rwandesi"?

I commenti per questa nota sono chiusi.