La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Visitors | Principale | L'AIDS, prima causa di morte dei preti in Africa »

04/07/12

Commenti

dragor

Wow! Sono sulla HP di Paperblog!

dragor (journal intime)

Alex

L'hai detto tu : L’immagine è stata diffusa dalle TV del mondo intero. Era lo scopo. Da mesi, gli jihadisti di Ansar Dine massacrano musulmani maliani, impongono la sharia, lapidano le donne...ecc...nell'indifferenza generale. Questo Abu Albas avrà capito che distruggere un mausoleo è più efficace per raccogliere l'indignazione internazionale che massacrare decine di migliaia di persone. Anche gli jihadisti fanno della politica.

PS : potrebbe succedere anche in Egitto dove le piramidi assomigliano ai mausolei del Mali !

Alex

marianna

Complimentissimi perl'HP !!!
Quanto al contenuto e all'argomentazione del tuo post io dico che l'ignoranza,prodotta da mancanza di senso critico, genera queste mostruosità a ripetizione.
E, come tu stesso elenchi, a fare questi scempi con opere d'arte o strutture architettoniche di grande valore non sono purtroppo solo i musulmani.
La politica male intesa, la voglia d'imporsi sull'altro,lo schiavizzare,l'amare la guerra piuttosto che la pace, portano gli umani a tutto questo.
E, in qualche caso, forse più di uno, non si rendono conto del danno che arrecano.
Un abbraccio e scusami sempre, se non sono tempestiva nel commentare, ma tu sai qual'è la mia situazione.
Che io poi m'impegni talora con Jambo Africa anche più di una volta al giorno è perché voglio che l'investimento, che hai fatto, abbia buona resa.
In questo sono molto pragmatica e so poi che a te fa piacere comunque.
Buona serata.Il caldo rompe come ogni anno da noi.
Affettuosamente,Marianna.

Pim

Bel post, Dragor. Sono dell'opinione di Marianna: profonda ignoranza e uso strumentale della religione per fini politici credo siano tra le ragioni di quest'ennesimo scempio. Penso anche alla distruzione dei Buddha di Bamiyan...

dragor

Si' Alex, fanno dellq politica ma si distinguono come comunita' religiosa. Del resto per l'islam la religione e' politica. Quanto al massacro degli islamici nell'indifferenza generale, non c'e' da stupirsi. Tempo fa ho pubblicato il video di una ragazza di 16 anni uccisa a sassate nel Curdistan (e alla fine le schiacciano la testa) perche' era stata violentata, quindi impura. Non si e' indignato nessuno, come succede regolarmente per i crimini islamici. Anche quando massacrano i cristiani

dragor (journal intime)

dragor

Grazie, cara Marianna. Il fatto e' che certe considerazioni, di solito militari o religiose, prevalgono sul rispetto per l'arte. Cosi' il primo imbecille al posto sbagliato nel momento sbagliato puo' privare l'umanita' di tesori inestimabili.
Sono felice che t'impegni per Jambo Africa, ma vorrei che fossi felice anche tu. Il blog dovrebbe essere un piacere, non un dovere
Un abbraccio, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Pim, certe distruzioni non avvengono per fini politici ma esclusivamente religiosi. I Budda sono stati distrutti perche' l'islam proibisce la rappresentazione della forma umana e perche' erano divinita' pagane. Se la Charia dominasse in Europa, il Louvre, gli Uffizi e il Prado farebbero la stessa fine. Senz'andare tanto lontano, guarda che cosa succede in Tunisia

Ciao, buona domenica

dragor (journal intime)

Tesea

Il proposito meriterebbe e giustificherebbe un intervento militare. Tombouctu è di tutti, è anche nostra, peccato che a chi potrebbe decidere non importa nulla, non ha lo stesso interesse che hanno avuto l'Iraq, l'Afganistan, la Libia e, ora, la Siria.
Tesea

dragor

Cara Tesea, che piacere risentirti. Gli islamici hanno preso Tombouctou in ostaggio proprio per scongiurare un intervento militare. Per il momento hanno distrutto soltanto 3 tombe e strappato la porta della moschea Sidi Yahiaf. E' stata un'azione dimostrativa per provare che fanno sul serio. Ma al minimo tentativo di aggressione, uccideranno l'ostaggio. Per tenerlo in vita, non resta che aspettare...

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.