La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Gabriel Maindron, prete genocidario | Principale | E se la finissimo di macellare i figli? »

15/08/12

Commenti

Alberto

'STA CASA ASPETTA A TE! ;-)

Ed era anche l'ora...

Alfredo

Bella. Mi fa venire la nostalgia. Anch'io vorrei fare un mucchio di lavori ma nei miei viaggi di 9 giorni riesco a fare molto poco, vuoi per i ritmi diversi che ci sono li, poi per la mancanza di tutto quello che serve, poi perchè la mia amica che li ci abita vuole farmi fare il turista.
Poi per la diversa mentalità: per me un tavolo che traballa per una gamba che non tocca il pavimento è inconcepibile. Basta mettere sotto la gamba un pezzo di sughero riragliato da un tappo. Già, ma il tappo?
O fare un buco nel muro. Già, ma il trapano? O cambiare una lampadina. E la scala? Non ho più l'età per arrampicarmi su una sedia appoggiata sul tavolo. Così ogni volta porto nelle valige un piccolo negozio di ferramenta. Ma poi non posso usare nulla perché il bricolage é un illustre sconosciuto lì. Sembra quasi che la mia amica trovi indecoroso fare questi lavori manuali.
Sto divagando.
Bella la casa. Mi fa venire la nostalgia.

dragor

Caro Alfredo, se cercavi un bricoleur peggiore di te, lo hai trovato: sono io. Per fortuna ho 2 bravissimi boy che sono anche falegnami, elettricisti, idraulici e fanno tutti i lavori necessari. Del resto nel nostro paese si paga sempre qualcuno per fare le cose. Probabilmente la tua amica vuole dire questo: se devi fare le cose personalmente, sei ai piedi della scala sociale :-)
Grazie per la visita e per il commento,buona giornata

dragor (journal intime)

dragor

Alberto, meglio tardi che mai.E quando si va in Congo, bisogna fare i conti con i Mai-Mai :-)

dragor (journal intime)

Alfredo

Ho capito che la scala sociale è tenuta in grande considerazione.
E che quello che a me sembra una forma di razzismo o comunque di comportamento di casta, è in realtà importante.
Mesi fa ho regalato un pò di danaro a quel poveraccio del custode: dopo la mia partenza è sparito e la mia amica ha dovuto cercarsene un altro. (se sapesse che è colpa mia.......)
Quello che a mio avviso non va in Rwanda è che si passa da persone che si arrabattano per sopravvivere, al laureato, che sà poco e manca totalmente si esperienza.
Manca totalmente quello che in Europa si chiama artigianato e anche l'allevamento e l'agricoltura sono praticati a livello neolitico. Non sono un agronomo, ma sono nato e vivo in campagna. Se si praticasse l'agricoltura come la si praticava da noi nei primi anni '60 il paese potrebbe avere una produzione almeno 5 o 6 volte maggiore. Per poi piano piano passare ad una agricoltura meccanizzata e raddoppiare ulteriormente la resa. Ho portato campioni di terreno al laboratorio agrario e a settembre mi daranno il responso.
Non parliamo poi dell'artigianato edile e dell'indotto. Falegnami, elettricisti, fabbri...
E nessuno capisce l'importanza di questi lavori per lo sviluppo del paese senza dover ricorrere ai cinesi o ai paesi colonialisti. Ci sono i boys, certo. Ma hai visto come lavorano! A livello qualitativo ovviamente. Per lo sviluppo della Nazione senza tensioni sociali si sovrebbe cercare di migliorare il tenore di vita della gente comune. E il solo modo che io conosco, é aumentarne la produttività, e quindi il reddito.
Come al solito sono andato fuori tema.
Uraho

Maxgiordani@yahoo.it

Carina!! Complimenti Drag!
Un saluto da Max

dragor

Alfredo,il paragone con l'Europa è impietoso. L'agricoltura locale andrebbe paragonata a quella degli altri paesi africani o dell'ancien régime. Se la nostra ti sembra neolitica, quella del Burundi, dell'Uganda o del Congo ti sembrerà giurassica :-)Ho visto il Rwanda al tempo di Habyarimana ed era più o meno al livello dei paesi confinanti. Non c'è confronto con oggi. Quanto alle vacche, siamo l'unico paese che è riuscito ad acclimatare le frisoni. Ormai da noi i long horns si vedono solo al museo storico di Nyanza mentre negli altri paesi sono la regola. Per quanto riguarda l'artigianato, vige la regola di fare di necessità virtù. Per la mia casa ho trovato un fantastico elettricista-idraulico che mi ha sistemato tutto per un prezzo irrisorio. E l'étagère della fotografia in alto è stata fabbricata in una sola giornata da un artista vannier chge l'ha pure accordata con il motivo bianconero dei panieri...
Un caro saluto

dragor (journal intime)

dragor

Max, che piacere risentirti. Un abbraccio da Kucukiro

dragor (journal intime)

Pim

Bellissima casa, arredata in modo semplice ed essenziale.
Ho anch'io un'anima divisa in due, tra l'istinto di viaggiare e la sindrome del nido: la soluzione che proponi, possedere abitazioni sparse ovunque, è affascinante.

Pim

Alfredo

Sicuramente il Paese sta progredendo. Ma , a mio avviso, svogliatamente. Migliorare la condizione della propria vita non è visto come priorità assoluta. E in un certo senso hanno ragione loro.
Vivendo in un paese dove non muori di freddo se non hai provveduro nella stagione calda, e non muori di fame se non hai fatto scorte nella stagione produttiva, si è portati a vivere alla giornata. Peró io, forse per deformazione professionale, sono sempre alla ricerca del miglioramento.
Ad esempio, perchè non utilizzare le mucche per i lavori in campagna? Per aratura e trasporto.
La spesa delle attrezzature sarebbe irrisoria e migliorerebbe di molto la produzione, senza consumare gasolio e senza emissioni. In campagna hanno pochissimi animali. A parte i bovini che sono costosi, le galline ad esempio fanno le uova, danno carne, si riproducono facilmente e mangiano tutti gli scarti che altrimenti vengono gettati..
A proposito, la gallina della mia amica è un gallo. E mi dice che canta ininterrottamente dalle due alle sei di mattina ( dopo,lei va a lavorare e non lo sente piu.....) vuoi vedere che siamo più vicini di quanto pensavo?
Per il lavoro degli atigiani ci sarebbe da scrivere un libro.
Elettricisti. Costano pochissimo, 3000 franchi in due una mattinata. Però bisogna comprargli il materiale, e lavorano senza togliere corrente!!!
Idraulici. Un po' più cari, 10000 franchi al giorno compreso l'affitto del trapano. Ma senso estetico zero. Finiture zero. Senso pratico un po'.
Ormai sono diventato un esperto di boiler (si scriverà così?) nella nuova casa è montato inclinato di un buon 5 gradi in senso orario. Un orrore a vedersi. E tutti, ma proprio tutti quelli a cui l'ho fatto notare, guardano, riflettono e poi mi chiedono :-cosa c'è che non va? È appeso, sta su, è collegato all'acqua. Non funziona è vero perchè va in ebollizione e rischia di scoppiare. Ma per il resto va tutto bene.
Allora insegnagli a regolare il termostato per avere acqua a 50 gradi e non a 100 e miracolo! il boiler funziona. Comunque presto mi installeranno un pannello solare e non avró più bisogno del boiler.

Alfredo

Volevo aggiungere che scrivo a ruota libere sul tuo blog.
Se ti sembra che esageri, che sia logorroico, o che comunque "sporchi" il tuo giornale, non esitare a dirmelo. A volte capita di entrare a casa d'altri senza bussare solo perchè si trova la porta aperta.

marianna

Complimentissimi !
Ogni particolare è di buon gusto com 'era prevedibile. E il tuo pensiero in merito all'arte del viaggiare non è dissimile da quello del mio amico Magris.
Un abbraccio affettuoso e l'augurio che tu e Dedé possiate felicemente godervela.
Marianna

Tesea

E' strano, avevo lasciato ieri un commento ma non è 'uscito'. Forse per errore non l'ho 'spedito'.
Volevo dirti che la vostra casa è molto bella, degna di comparire su una rivista patinata di arredamento.
Tesea

dragor

Alfredo, JI è casa tua. Lo scambio con i lettori è la vita del blog. Questo spazio non è mio, appartiene a tutti.


dragor (journal intime)

dragor

Grazie, cara Marianna. Senza suocere e cognate, qui ci sembra di essere in paradiso.Non c'è confronto con l'altra casa, che pure era più grande. Mi mancano le nipoti, ma è il prezzo da pagare per la pace. In ogni caso ogni tanto vengono a trovarci e si fermano per il weekend.
Mi fa piacere di essere d'accordo con il tuo amico Magris almeno sull'arte di viaggiare -:)
Un abbraccio, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Tesea, grazie per il complimento. Gli arredamenti delle riviste patinate costano cifre astronomiche, il mio è low cost. Per questo il tuo complimento è molto lusinghiero

dragor (journal intime)

marcello

non vedo condizionatori...

dragor

Marcello, abbiamo il condizionamento naturale. Siamo a 1450 metri sul livello del mare

dragor (journal intime)

Alex

Manque toutes les bondieuseries qui faisaient le charme de l'autre maison...et puis qu'est-ce que c'est ce goût pour les urnes funéraires :-)

Alex

 dragor

Alex, je ne pouvais pas cacher les cendres de Mutara III sous le tapis :-)
Tu as raison pour les bondieuseries. Je vais emprunter 2 ou 3 madones à ma belle-mère...

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.