La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Ultima notte a Rutshuru | Principale | Gabriel Maindron, prete genocidario »

10/08/12

Commenti

Pim

Ho contrattato e visto contrattare per qualunque cosa, persino per una lattina di birra analcolica egiziana calda, ma per un topo - giuro - mai! :-)

Alberto

Capisco l'amore per gli animali, ma ci sono delle eccezioni: topi, cavallette, zanzare, zecche...

Tesea

Bravo! Questo è il Dragor che ammiro e che mi calamita non solo per il suo stile brillante, la vastità dei suoi interessi, la cultura poliedrica.
Con questo gesto hai dimostrato anche grande sensibilità e umanità.
Gli unici viventi per cui invece non mi mobiliteri sono, appunto, zanzare e zecche (non si è mai del tutto imparziali).
Lunga vita al ratto liberato...
Tesea

Ivano

Pensavo avessi fatto tutto questo per salvare il bambino...

dragor

Non disperare Pim. C'e' sempre una prima volta! :-)

dragor (journal intime)

dragor

Alberto, infatti ho parlato di "strane" reazioni. In ogni caso i ratti sono anche animali di compagnia e i loro padroni li trovano deliziosi

dragor (journal intime)

dragor

Grazie cara Tesea. Quando parlavo di "strane" reazioni mi riferivo proprio a questo. Se vedessi una zanzara in difficolta',
forse anche tu...

dragor (journal intime)

dragor

Ivano, l'ho salvato. Gli ho dato 2000 RDCF, il doppio di quello che avrebbe preso al ristorante

dragor (journal intime)

Alfredo

Indubbiamente salvare un animale, soprattutto se si trova ad essere maltrattato come il tuo topo é cosa giusta. Non sopporto i maltrattamenti, nè agli umani, né agli animali. Lo avter fatto sicuramente anch' io.
Per quanro riguarda il mangiare il topo... In mancanza di altre proteine nobili .... Ho conosciuto gente che lo ha fatto ed altra che lo ha desiderato per mesi e mesi senza riuscirci.
Ad esempio poco più di un mese fa ho accompagnato la mia amica rwandese a Gisenyi all'orfanotrofio dove ha adottato una bambina.
Nella visita di rito ci hanno fatto vedere le stalle con le mucche per il latte, le galline per le uova ed i polli, i conigli per la carne e....una gabbia di cavie o porcellini d'india.
-Che ne fate?
-Quando arrivano bambini denutriti che temiamo di non poter salvare, li nutriamo con il sangue delle cavie e poi successivamente con la loro carne. È un sistema che funzione.
Al che mi sono detto: povere cavie. Ma nulla di più.
PS : è una struttura laica, non religiosa.

dragor'

Alfredo, salassare un animale è un'abitudine diffusa in molti paesi africani. Anche nell'antico Rwanda si usava salassare le vacche, visto che davano una quantità irrisoria di latte (a differenza delle frisoni che oggi si vedono dappertutto). Pero' non sapevo che lo si facesse anche con le cavie, che a differenza delle vacche poi vengono mangiate.
Grazie dell'informazione

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.