La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Comin' home | Principale | Quello che succede quando si cerca di cacciare i missionari »

17/08/12

Commenti

Pim

Credenze religiose... direi soprattutto condizionamenti culturali. Ci sono ebrei atei che fanno regolarmente circoncidere i propri figli; e Marie Bonaparte, sodale di Freud, si fece fare una clitoridectomia (ma forse lei era semplicemente un po' matta...).

Alfredo

Il solo pensare alla circoncisione mi mette i brividi.
Pensa che quando mia figlia era piccola non ho voluto che gli facessero i buchi nelle orecchie per gli orecchini. Sono contrario ai piercing, ai tattoo ed a qualsiasi forma di violenza sul nostro corpo.
Ora ha quasi 25 anni e noto con soddisfazione che anche lei non ama queste cose.
Però la mia amica è sostenitrice della circoncisione, almeno in questo periodo di lotta contro l'AIDS .
In uno studio fatto a Kigali, risulta che l'infezione colpisce molto, ma molto meno gli uomini circoncisi, e di conseguenza si riesce a limitare il diffondersi della malattia. E, se quanto dice il vostro ministro della sanità Agnes xxx in un articolo pubblicato su La Stampa il 27 luglio è fondato, questa malattia in Rwanda è stata ridotta in un modo incredibile. Anche perchè i malati anche se curati, alla lunga muoiono, i figli,degli ammalati sono quasi sempre recuperati, quindi la malattia si trasmette solo per contagio sessuale. E pare che il non avere infiammazioni al prepuzio sia fondamentale, oltre all'uso dei profilattici, ovviamente.

dragor

Pim, come dire che la religione condiziona anche gli atei. Aiuto!

dragor (journal intime)

Alfredo

Dragor, ti voglio fare una domanda.
Ateo è chi nega l'esistenza della Divinità, del Creatore, del Demiurgo o chi crede che la / le religioni non siano la verità?

dragor

Alfredo, conosco quello studio ma secondo me è una gran balla. L'ho scritto anche in un post per il New Times. Gli uomini circoncisi non prendono l'AIDS perché, quando vedono il loro sesso mutilato, le donne scappano :-) Grazie all'uso del profilattico e a un'intelligente campagna di prevenzione, i sieropositivi sono diminuiti dal 25 per cento dell'ancien régime al 13 attuale.Ne ho parlato in questo post

http://dragor.typepad.com/journal_intime/2012/06/rwanda-la-morte-sconfitta-dal-preservativo.html

Ciao, buona giornata

dragopr (journal intime)

Alfredo

Non so e non voglio entrare nel merito. Io non mi farei mai toccare quell'arnese. Ma la tua vicina ha lavorato a quello studio e ne é convinta. Se serve per un periodo di anni limitato per risolvere il problema malattia lo accetto. Ma non deve diventare la norma. E poi mai per un motivo religioso. Dalla parte di chi lo pratica per motivi religiosi dico: volete migliorare quello che il Creatore ha fatto? Questa é superbia , arroganza.

dragor

Alfredo, per quanto ne so chi contesta le religioni ma crede agli spiriti è un deista come Voltaire. L'ateo, come dice il suo alfa privativo, è senza dio.
In ogni caso la parola "ateo" non mi piace, perché è stata coniata dai teisti. Io non mi considero ateo, semplicemente normale. Ad avere un problema sono loro, i teisti. Allo stesso modo non mi andrebbe di essere definito "non omosessuale" perché non sono gay.
Ciao, buona serata

dragor (journal intime)

dragor

A proposito della circoncisione, una volta ho parlato con un rabbino e ho fatto la tua stessa osservazione. Mi ha riosposto: "Si puo' mangiare il grano cosi' com'è? No, a volte la natura dev'essere corretta".

dragor (journal intime)

Alfredo

Quanti spunti di discussione.
C'è da ubriacarsi !
Voltaire a mio avviso è stato un grande, grandissimo cervello. O meglio uno che lo ha usato molto e bene. Andrebbe rivalutato. Unico neo la sua convinzione di superiorità nei confronti delle altre razze, la nera in particolare. Ma 250 anni fa o giù di lì era un luogo comune e lui non è stato sufficientemente "illuminato" per scrollarsi questo pregiudizio.
Tornando alle religioni, sono cattolico da sempre, non per scelta, ma per....tradizione o educazione o fà un pó tu.
Sono convinto che l'universo, quello in cui esistiamo, sia una realizzazione virtuale. La scienza , sopratutto quella che studia l'infinitamente piccolo oggi tende a dimostrare appunto questo. I "pixel" dimensionali, la base tempi che permette al nulla si essere massa o materia. È troppo evidente che la struttura del nostro universo è un qualcosa di costruito. Non so da chi.
Le religioni invece sono movimenti di pensiero che nei secoli hanno assunto importanza e quindi sono stare strumentalizzate per avere potere sulla popolazione. Però in fondo ad ogni religione, anche se poi è stato stravolto secondo la convenienza del momento, c 'è il germe della ricerca della verità.
Quando parlo con i preti, amo definirmi un eretico. Ciò nonostante mi piace confrontarmi con loro, a patto che si discuta senza tirare in ballo i dogmi. La discussione puó esistere solo se si hanno dubbi. Se invece si hanno certezze , cessa il motico del discutere.

marcello

scusa Alfredo, ma mi sembra che ci sia una leggera contraddizione tra queste due frasi che hai scritto:

"È troppo evidente che la struttura del nostro universo è un qualcosa di costruito."

e

"La discussione puó esistere solo se si hanno dubbi. Se invece si hanno certezze , cessa il motivo del discutere"

Alfredo

Cominciamo dalla seconda citazione.
Per avere la certezza assoluta della mia teoria, forse solo intuizione, perchè le teorie sono una cosa seria, dovrei essere in grado di riprodurre la materia dal nulla, e soprattutto l'esperimento dovrebbe essere ripetibile. A questo la mia sarebbe legge fisica, non più teoria.
Ma non è cosi.....
Una teoria invece puó coesistere con infinite altre teorie, opposte, in contraddizione.
E sono tutte valide fintanto che una di queste diventa legge fisica ed automaticamente annulla le altre.
E poi anche le leggi fisiche hanno il loro ambito di validità.
La quantistica e la relatività non sono ancora state collegate. Mancano uno o più anelli di congiunzione.
Quindi sono aperto a qualsiasi discussione non avendo certeza dell'esatteza di quello che sostengo.

Circa la costruzione dell' universo, tantissime scoperte mi portano a pensare che ci sia la mente, l'intelligenza di un costruttore.
Costruttore che possiamo identificare in una Divinità, negli extraterrestri o meglio extrauniverso in quanto non avrebbe senso pensare ad una creazione dall'interno del sistema.
Se tu, appassionato di computer, esperto in programmazione a basso livello ( quindi non utilizzatore di un interprete, ma operante direttamente in linguaggio macchina) volessi riprodurre chessó, un videogioco chiamato "Universo" cosa faresti?
Dovresti avere un hardware innanzitutto per poter poi sviluppare il software.
La scienza oggi riconosce la possibile esistenza di un "campo universale" ovvero l'insieme di tutte le informazioni sul presente, sul futuro e sul passato. Ed ecco la nostra bella menoria di massa.
Poi dobbiamo creare un monitor che possa interagire con alcuni dei nostri sensi.
Ed ecco creato un sistema tridimensionale costituito da pixel di grandezza definita fa Plank. È la grandezza minima al di sotto della quale non si puó andare. Il sistema è tridimensionale appunto perchè in un sistema a due sole dimensioni non potrebbe esserci la vita. In realtà le dimensioni spaziali dovrebbero essere 9 ma sei nonsi sviluppano oltre all'unità e sono definite annichilite.
Poi per funzionare un computer ha bisogno del famigerato clock, la base tempi senza la quale non potrebbe funzionare. Ed ecco il tempo costituito anch'esso da unità indivisibili allineate in forma di vettore.
Esiste ancora un' ulteriore dimensione, quella gravitazionale. Ma la conosco poco.
Tutto questo non contraddice nessuna teoria quantistica ed è quello che io ipotizzo come universo, ovvero il supporto nel quale noi viviamo la nostra esistenza.
Poi abbiamo la parte di software. La materia ovvero come viene definita nella teoria delle stringhe " uno stato eccitato del nulla" . Energia che oscillando ad una data frequenza ( per questo serve la base tempi) si trasforma in materia, i mattoncini che assumendo via via forme piu complesse danno origine alla fine alle particelle elementari fino a costituire gli atomi.
A questo punto entra in ballo quella che è la realta, la sua soggettività, l'importanza dell'osservazione nel determinare il presente . La possibilità entro piccolissimi limiti di condizionare l'immediato futuro. E noi che siamo i giocatori di questo gioco. Ma che necessariamente a parte il supporto sofrware del nostro corpo, a parte l'hardware che sta dietro, siamo al di fuori del sistema.
Prova seriamente a esplorare il mondo della meditazione trascendentale e scoprirai cose inquietanti. Malgrado i molti buffoni che troverai sul percorso.

Tanto per dissacrare: ti chiederai se ieri ho mangiato pesante..... Ebbene ho mangiato trenette con pili-pili mbuzy. Fantastiche.

marcello

Mi sembra che tu non stia facendo altro che ripetere il modo di ragionare dei popoli primitivi.
Non sapendo come e perché il sole si muovesse in cielo, inventavano un dio che lo trasportava su un carro.
Si, la grandezza di Plank come il bit fondamentale di un immenso videogioco chiamato universo non mi è nuova; certo, si spiegherebbe tutto, e alla base di tutto ci sarebbe il programmatore, che solo per comodità potremmo chiamare "Dio"... che a sua volta fa parte di un "programma" ancora più grande inventato da un'altra entità, che per comodità chiameremo Mario, e così via.

Alfredo

Non credo che ci sia una sostanziale differenza tra la capacità di ragionare di un uomo primitivo ed uno attuale. A livello biologico sicuramente no. L'uomo attuale, ha a disposizione molte più informazioni scientifiche per articolare ragionamenti differenti. Ma la capacità di ragionamento è quella.
Se tu hai conoscenze diverse che portano ad altre ipotesi illustrale.
Ma non parlarmi di Darwin o di scimmie: non c'è stato tempo sufficiente a quel tipo si evoluzione.
E spiegami quale puó essere l'origine dell'universo.

marcello

Non ne ho idea, anzi, non sono nemmeno sicuro che sia giusto dare per scontato che l'Universo abbia avuto un'origine.
Già s. Agostino nel medioevo affrontò la questione, seppure a modo suo.
Nel III secolo tutti davano per scontato che Dio esistesse, e alcuni pensatori come Origene avevano iniziato a chiedersi cosa facesse dio prima di fare dio, cioè, prima di creare l'universo.
S. Agostino ci rimuginò sopra, e alla fine concluse che la domanda non aveva senso, perchè il tempo fa parte dell'universo, quindi non si può parlare di un "prima" e di un "dopo" riferito ad una entità che esiste al di fuori del tempo. Dio ha sempre creato l'universo, e Dio è sempre esistito, non c'è mai stato un "prima di Dio".
Il più grande pensatore della cristianità non si era reso conto che aveva reso il suo dio perfettamente inutile, perché altrettanto poteva essere detto dell'universo.
Io mi seguo la regola del rasoio di Occam, fino a che non si dimostra che questa ipotesi, che è la più semplice, non va bene, mi attengo a quella.

Alfredo

A parte il fatto che , se non erro, S.Agostino è vissuto nella cosiddetta antichità, ovvero nell' ultimo periodo dell'impero romano d'occidente, e non nel medioevo, iniziato alcune decine di anni dopo la sua morte, non possiamo confutare scoperte o comunque teorie scientifiche con argomentazioni filosofiche.
Una idea scientifica di cosa puó essere l'universo presume la conoscenza quantistica che abbiamo da meno di un secolo.
S. Agostino, Aristotele, possono raccontarci delle favole. Verosimili, ma senza alcun fondamento scientifico. Al pari delle religioni quando escono dall'abito dell'etica e ci parlano della creazione o genesi.

 dragor

Se Agostino è il più grande pensatore della cristianità, povera cristianità. Quanto all'etica, penso che la religione stravolge il senso morale. L'etica puo' esistere solamente al di fuori della religione

Grazie a tutti per la visita e il commento, buona notte

dragor (journal intime)

face?i clic pe urmatorul site Web

I知 not that much of a internet reader to be honest but your blogs really nice, keep it up! I'll go ahead and bookmark your website to come back later. Many thanks vadafallis@bigstring.com

klicken Sie auf die nächste Website

hello there and thank you for your info - I've definitely picked up something new from right here. I did however expertise several technical issues using this site, since I experienced to reload the website a lot of times previous to I could get it to load properly. I had been wondering if your web host is OK? Not that I'm complaining, but slow loading instances times will very frequently affect your placement in google and can damage your quality score if ads and marketing with Adwords. Well I'm adding this RSS to my e-mail and can look out for much more of your respective interesting content. Make sure you update this again soon.

I commenti per questa nota sono chiusi.