La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Blogger Rwandesi | Principale | Buvette Umucyo, ristorante del mio cuore »

24/08/12

Commenti

Alfredo

Gli imbecilli sono ovunque. Forse se si riuscisse ad avvelenare i corni dei rinoceronti senza gravi conseguenze per gli animali, si potrebbero salvare. Avevo letto da qualche parte che per salvare questi animali dai bracconieri, gli tagliavano il corno.
Resta comunque sempre il problema della imbecillità.

Alberto

Perfettamente d'accordo! salviamo i rinoceronti!

Homing Pigeon

questo pezzo è stupendamente politically incorrect. Per questo mi piace.

Ci sarà qualche animo sensibile che si offenderà per le definizioni non proprio lusinghiere che hai usato per identificare i gruppi etnici fruitori di corno di rinoceronte.

Che sono gli stessi imbecilli che stanno portando all'estinzione le tigri, sempre nella speranza di vedere qualche miglioria nei propri inani apparati del piacere.

E sempre gli stessi idioti che causano la morte - spesso atroce - di cento milioni di squali all'anno, per strappargli da vivi le pinne...

Allora, due suggerimenti da parte mia: invece di ingerire polvere di corno di rinoceronte, mangiatevi le unghie, cari i miei impotenti musi gialli. Il risultato (chimicamente parlando) è lo stesso, cheratina è uno, cheratina sono le altre. Oppure, se proprio volete a tutti i costi l'ambito corno, andate a prendervelo da voi. E senza fucile. Chissà che qualche bella incornata nel culo non risolva definitivamente il vostro problema, e vi apra (pun intended!) nuovi orizzonti!

dragor

E' vero Alfredo, in certe riserve si inietta nel corno una sostanza che lo tinge di rosso e lo rende inservibile. Un altro espediente è effettivamente quello di asportare il corno per evitare che l'animale venga ucciso. Certo, un rinoceronte senza corno non è un vero rinoceronte. Ma non lo è nemmeno un rinoceronte morto...
Ciao, buon sabato

dragor (journal intime)

dragor

Alberto, si tratta soltanto di stabilire "come", ovvero insegnare ai gialli che la cheratina non fa niente e che il viagra funziona meglio. In alternativa non mi dispiacezrebbe il sistema suggerito da HP...

dragor (journal intime)

dragor

HP, credo che la tua soluzione del problema batta il record mondiale della scorrettezza politica. Ma è precisamente quello che ci vuole in una situazione del genere. Con la correttezza politica si trasformano gli amici in nemici. E la fine (di una specie, di un popolo o di una civiltà) non è lontana quando il "nemico" diventa chi cerca di salvarli da coloro che vorrebbero distruggerli.
Grazie per la visita, a presto

dragor (journal intime)

Alfredo

In effetti ci si scontra con superstizioni, leggende che nulla hnno a vedere con la realtà. Il vero rimedio sarebbe l'istruzione, la crescita sociale di quella gente. Pensa che lo stesso sistema violento che usano per avere l'erezione, lo usano poi con le donne per risolverla. Ovvio che abbiano un rapporto di odio con il sesso: fintanto che considerano il loro pipino come un' arma, non possono che odiare la natura per averli dotati di una pistolina ad acqua.....

Dragor, vedo che scrivi anche l'ultimomsabato del mese. Niente umuganda?

Tesea

Ci vorrebbero le scorte, dietro ad ogni rinoceronte. Altro che sprecarle per quell'allegra brigata che manteniamo in parlamento, e che non è nemmeno capace di prendere misure efficaci contro tutti gli incendi che stanno distruggendo il nostro territorio.
Tesea

marianna

La cosa è terribilmente vergognosa.
Possibile che non si possano punire severamente questi maledetti "assassini"?
Mi riferisco a bracconieri e a chi commercia il tutto solo per fare quattrini senza neanche troppi sforzi.
Dei cretini poi non c'è che dire...sono una specie che aumenta in progressione geometrica su tutto il pianeta e non solo perché crede alle proprietà afrodisiache della polvere di corno di rinoceronte.
Un abbraccione e a presto.
Marianna

I commenti per questa nota sono chiusi.