La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

Weblog recentemente aggiornati

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« In Francia vince la corrida! | Principale | Traduttore, traditore »

28/09/12

Commenti

Alberto

"Amici miei" in egiziano??? Mi piacerebbe vederlo! Anzi no, stendiamo un velo pietoso! LOL

Dragor, perdere ore di sonno come fai tu fa male, se lavori di notte cerca di dormire durante il giorno. :-)

Tesea

Adoro la musica araba, come quella greca e balcanica in genere.
Grazie per averci proposto la grande Oum Kalsoum, che da tanto non si sentiva. Qui purtroppo la nostra TV nazionale non conosce queste raffinatezze.
Tesea

Alfredo

Noto che hai un concetto modesto del tuo lavoro.... Aiuto-lubrificatore dei cardini del mondo

Tesea: che fortuna vedere la TV in Italia! Così fortunato e non lo,sapevo.

Alex

Incredibile, sei unico ! mentre tutti gli egiziani hanno la parabola puntata verso l'occidente (basta guardare i tetti del Cairo), c'è un tizio in Rwanda che ha la parabola puntata verso l'Egitto !

Alex

marcello

sarà che non parlo l'arabo, ma le rare volte che guardavo la TV in Egitto mi è sembrato che ci fossero una decina di attori in tutto che giravano tutti i film, sempre gli stessi, e con gli stessi dialoghi.

dragor

Alberto, non è male. C'è perfino la scena degli schiaffi ai passeggeri del treno in partenza...
Se dormo di giorno, poi devo lavorare di notte :-)

dragor (journal intime)

 dragor

Tesea,Oum Kalsoum si vede solo sulla TV egiziana e di notte. Le TV europee preferiscono dedicarsi alle glorie locali

dragor (journal intime)

 dragor

b Si' Alex, lo confesso: folgorato sulla via del Cairo!

dragor (journal intime)

 dragor

Marcello, forse hai visto i feuilleton a colori in costume che trasmettono di giorno. I vecchi film li trasmettono di notte
dragor (journal intime)

marianna

MERAVIGLIOSO POST!!!
ENTRARE NELLA TUA INTIMITA' E CONDIVIDERLA E'PIACEVOLISSIMO.
UN ABBRACCIO CON TANTO AFFETTO.
MARIANNA

dragor

Grazie cara Marianna. Si', sono in vena d'intimità, forse dipende dalla solitudine. Del resto questo è un giornale intimo :-)
Un abbraccio, a presto

dragor (journal intime)

Pim

Hollywood sul Nilo. O meglio Bollywood, visto che il cinema egiziano è come quello indiano, soprattutto ad uso e consumo dei locali. Però Yussef Chahine ha una piccola fama tra i cinefili più attenti (ricordo "Il destino" che fu proiettato anche in Italia); e poi, vabbe', Omar Sharif, l'idolo delle mamme... :-)

dragor

Pim, il cinema indiano lo consumiamo anche noi. Qui a Kigali ho non meno di 4 canali che fanno Bollywood. E qualcuno si è imposto anche in Inghilterra e negli USA.Come giustamente osservi, fra gli egiziani ci sono grandi registi che nel resto del mondo meriterebbero almeno le stesse attenzioni che si riservano ai cinesi, agli iraniani e ai giapponesi.
Direi piuttosto l'idolo delle bisnonne necrofile :-)
Ciao, a presto

dragor (journal intime)

I commenti per questa nota sono chiusi.