La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Il papa podofilo | Principale | Terroristi oggi, patrioti domani »

04/04/13

Commenti

Bertrand Russel

Ottimo pezzo!

Continua a sputtanare quegli assassini!

marianna

E'molto centrata la conclusione.
Pezzo straordinario.
Interrogativi i tuoi che, purtroppo, non avranno risposte.
Così, ahimé, va il mondo !!!!
Esistono gli "intoccabili".
Un abbraccio con affetto e stima.
Marianna

Alfredo


La vendetta non è possibile. Dopo ogni guerra i vincitori sono i buoni. E in Rwanda, pur avendo vinto il FPR a livello locale, i francesi e gli 'zungu in genee non hanno perso. Non hanno perso per il fatto che combattevano in casa d'altri.
Segue

Alfredo


Per amor di giustizia sarebbe bello che Francia, Chiesa , europei ed americani in genere ammettessero le responsabilità che ci sono state.
Potrebbero invocare tutte le attenuanti possibili ma renderebbero giustizia al popolo rwandese.

Alfredo


Una per tutte: il Papa potrebbe ammmettere le colpe di alcuni preti giustificandole come atti di codardia o di mancato eroismo.
Preti che hanno agito in modo sbagliato per non essere a loro volta ammazzati.

Alfredo

Forse non sarebbe la verità completa. Ma sarebbe già un passo avanti. Ed incontrerebbe i favori di tanta parte delpopolo rwandese.
Meglio una mezza verità che la negazione.

dragor

Cara Marianna, finché non si toccheranno gli intoccabili,non ci sarà resa giustizia. Niente di straordinario, visto che nel mondo intero la giustizia tende a latitare. Almeno possiamo sfogarci a parole. C'è chi non ha nemmeno questa fortuna
Un abbraccio, a presto

dragor (journal intime)

dragor

Alfredo, la chiesa non riconoscerà mai le colpe dei preti genocidari, perché per lei non sono colpe ma meriti. Questi preti non hanno fatto altro che eseguire gli ordini di un dio genocidario e del suo cocco che condanna i dissidenti alla tortura eterna. Ecco perché i missionari continuano a suonare la stessa musica senza cambiare una nota, chiaramente ispirati dalle direttive di Roma. Ecco perché la chiesa difende i preti assassini con le unghie e coi denti. Ecco perché la storia della chiesa, come quella di tutte le religioni, è costellata di massacri. Se pensi che la tua verità è l'unica possibile,come succede nel caso delle religioni monoteiste, sei già un genocidario in potenza.
Per la Francia è lo stesso. Il potere conta più di tutto, specialmente quando le vittime sono nere. La colonizzazione politica è sorella di quella mentale. Se qualcuno si scusasse, sarebbero lacrime di occodrillo
Un caro saluto

dragior (journal intime)

Alfredo

Pur non essendo un esperto di Chiesa cattolica, non sono daccordo con te. Parlo a volte con un prete, scherzando gli dico che quattrocento anni fa mi avrebbe fatto bruciare per eresia. Gli parlo del Rwanda. Delle colpe della chiesa. E lui non nega l'evidenza. Perlomeno con me.

Alfredo

Quando i tuoi connazionali parlano di Imana, non parlano dii un essere genocidario e della tortura eterna.
Ed i vangeli non parlano del Dio vendicativo, possessivo e capriccioso di Abramo

Alfredo

É l interpretazione che ha dato la Chiesa di Roma che è sbagliata. E soprattutto l'integrazione , poichè ha messo cose che non sono state dette.

Alfredo

Chiedo scusa se ció che scrivo é poco comprensibile. Ma é difficile esprimere dei pensieri spezzettati.
Continuo a veder rifiutati i commenti oltre le 2/3 righe. E tra copia incolla e i pad... vien fuori quello che leggete..... Sob...

dragor

Alfredo, Imana (quello vero)era come il genio della lampada: uno spirito obbediente. Poi è arrivato il dio 'zungu che pretende di comandare. Tutti i problemi sono cominciati da li'.
E' possibile che qualche prete non sia in linea con la posizione ufficiale della chiesa cattolica. Ma la posizione ufficiale non cambia.
I Vangeli parlano di un figlio di dio talmente vendicativo che, non contento di perseguitare gli uomini da vivi, li perseguita anche da morti. Cosa che il suo papà non faceva.
Ho informato typepad per il problema dei commenti non pubblicati. Speriamo in bene...
Ciao, buon sabato

dragor (journal intime)

trasporti-roma

Bell’articolo, molto utile! Stavo facendo le mie belle letture di post pre-nanna, dove lasciare qualche commento, con la speranza di ritorni sul mio blog, quando ho letto questo articolo! Grazie delle dritte!!!

I commenti per questa nota sono chiusi.