La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« "Cala il sipario sul buffone di Roma" | Principale | Via l'islam dall'Egitto »

10/08/13

Commenti

Alex

Sono tanto disciplinati che M23 si è diviso in fazioni che si fanno la guerra. Ma tu Dragor fai parte di quale fazione quella che sostiene Nkunda o quella che sostiene il suo nemico giurato Ntaganda ? I soli che hanno una disciplina vagamente prussiana nella zona sono le forze della Monusco....

Alex

Alfredo

HRW dice cose un po' diverse.
La stampa internazionale dice cose assai diverse.
E come tu sostenesti pochi giorni fa, la stampa internazionale è attendibile e super partes....

Pim

Il tuo punto di vista è sempre interessante, perché capovolge i commenti della stampa internazionale e fornisce spunti di riflessione su quanto, qui in Occidente, siamo impregnati di una mentalità neo-neocolonialista...

Un abbraccio.
P.

Alfredo

Non esageriamo nella critica perché poi non ci fa più amici... :-)
Io sono propenso alla sua tesi, avendo notizie da più parti che ne confermano la attendibilità.
Volevo solo evidenziare il fatto che ciò che dice la stampa internazionale o é SEMPRE attendibile o è sempre .... Inaffidabile. Tutto qui.

Alfredo

Proprio sul New Times di oggi (12 agosto) è pubblicata una lunga lettera di un certo Ntabara rivolta a HRW.
Sembra ben motivata. Ma la stampa internazionale non la citerà e continuerà a strombazzare il rapporto che scredita il Rwanda.

dragor

Alex, Nkunda è fuori gioco da un pezzo. I 2 gruppi si sono fusi e il capo attuale è il colonnello Makenda. Cosi' ce lo dobbiamo sorbire fino al prossimo :-) Quanto alla disciplina, come stupri e saccheggi la MONUSCO fa concorrenza alle FARDC. E anche loro si squagliano al primo sparo. Chi glielo fa fare di rischiare la pelle per Kabila?

dragor (journal intime)

dragor (journal intime)

dragor

Alfredo, se il leader di un partito è condannato per frode fiscale in un paese democratico, perché la stampa internazionale dovrebbe contestare la sentenza? In Francia il deputato socialista Jérome Cahuzac è stato condannato più meno per lo stesso reato, si è dichiarato colpevole (dopo avere negato a lungo, per la verità)e il suo partito non lo ha certamente sostenuto. Perfino in Rwanda i condannati per reati finanziari accettano la condanna e chiedono scusa. Nel caso del Congo, la stampa internazionale non fa che riprendere i comunicati del governo congolese che di democratico ha ben poco e quelli di Steve Hege, un funzionario dell'ONU che ha dichiarato pubblicamente le sue simpatie per le FDLR. Per sapere quello che succede nelle zone controllate da F23 basterebbe una cosa semplicissima: parlare con la gente. Io l'ho fatto, i giornalisti no.Da qui la divergenza di opinioni.
Non ho letto la lettera di cui parli, ma so che il Rwanda è in polemica da anni con Human Rights Watch(un'organizzazione alla quale, non bisogna dimenticarlo, si deve il ritrovamento del genocidario Athanase Séromba in un'oscura parrocchia della Toscana). Da tempo HRW ha preso una posizione anti-rwandese e di conseguenza anti-M23.
Grazie per il commento, buona giornata

dragor (journal intime)

dragor

Grazie Pim. Per la stampa il Kivu è un'opinione, per me è la vita. La differenza è tutta qui.
Ciao, buona giornata

dragor (journal intime)

dragor

A proposito, Alfredo, potresti leggere sul New Times di oggi l'ottimo articolo "Why Rwanda draws the ire of powerful".

dragor (journal intime)

Lucia

Ciao Ho condiviso il tuo intervento, come tutti, trovo ricco di contenuti il tuo sito e penso che ti aggiungerò ai
preferiti, Thanx

I commenti per questa nota sono chiusi.