La mia foto
Blog powered by Typepad
Iscritto da 03/2006

compt


provenienze

contatori

paperblog

REMEMBERING ADELE

  • ciaoadele

blogpoll

« Ghannouchi, il piccolo Hitler tunisino | Principale | Souvenir del Cairo »

29/08/13

Commenti

Alex

I crucchi non stavano scappando e senza l'insurrezione dei nizzardi sarebbero rimasti in città. Gli americani avrebbero risolto il problema rasando la città al suolo come hanno fatto altrove (sto pensando a Royan a nord da casa mia). Ma sono io che devo difendere i nizzardi :-)

Alex

dragor

Allora i valorosi difensori della città si sarebbero potuti manifestare quando i crucchi hanno distrutto la nostra meravigliosa jetée promenade. Ma se ne sono guardati bene, perché gli americani erano ancora lontani... :-)

dragor (journal intime)

Alfredo

Tranquillo Dragor. In fondo i Nizzardi sono italiani. E come tali si comportano. Pavidi con i prepotenti, ma prepotenti e crudeli con i perdenti.
Non c'è italiano che non infierisca su un nemico atterrato.

Alfredo

Tornando al post. Quando frequentavo settimanalmente Villefranche sM e Nizza, non mi sono mai accorto di questa festa del 28 agosto. Sono uno sbadato incorreggibile.

dragor

Si potrebbe chiamare la Sindrome di Maramaldo :-)

Sei in buona compagnia, non se ne accorgono nemmeno molti Niçois.

Ciao Alfredo, buona notte

dragor (journal intime)

Ricette

Ottimo Articolobye

I commenti per questa nota sono chiusi.